Storia dell’AI: nascita e sviluppi fino ad oggi

Approfondimenti

L’intelligenza artificiale fa parte, ormai, della nostra quotidianità, influenzando ogni aspetto della nostra vita, dal lavoro alla salute, dalla comunicazione ai trasporti. Ma qual è la sua storia? Come si è sviluppata nel tempo? E quali sono le sue implicazioni per il futuro?

In questo articolo, intraprenderemo un viaggio alla scoperta dell’AI, ripercorrendo le sue origini, analizzando i progressi compiuti e le sfide attuali, per giungere infine alle prospettive future e all’impatto che questa tecnologia avrà sulla nostra società.

Prima tappa: la nascita dell’AI

Alan Turing, matematico e pioniere dell’informatica, ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita dell’intelligenza artificiale grazie al suo lavoro rivoluzionario, in particolare con l’introduzione del “Test di Turing” nel 1950.

Il Test di Turing ha rappresentato un punto di svolta concettuale per l’AI, delineando un paradigma che influenza ancora oggi il campo. Il test ipotizza un interrogatore umano che interroga due interlocutori nascosti, uno umano e uno artificiale. Se l’interrogatore non è in grado di distinguere con certezza quale interlocutore sia umano, la macchina supera il test, dimostrando di possedere un’intelligenza equivalente a quella umana.

Il Test di Turing è fondamentale perchè introduce un criterio di valutazione per l’AI. Ha fornito un modo concreto per valutare se una macchina possiede un’intelligenza simile a quella umana, spostando l’attenzione dalle capacità computazionali alla capacità di esibire un comportamento intelligente. Inoltre l’idea del Test di Turing ha acceso l’immaginazione di ricercatori e scienziati, motivandoli a creare macchine in grado di superare questo traguardo ambizioso, spingendo in avanti il progresso dell’AI. La ricerca per superare il Test di Turing ha acceso un vivace dibattito filosofico e scientifico su questioni fondamentali come la natura dell’intelligenza, il rapporto tra uomo e macchina e le implicazioni etiche dell’AI.

Possiamo dire dunque che il Test di Turing ha avuto un ruolo fondamentale nel plasmare lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, stimolando la ricerca, il dibattito e l’innovazione in questo campo affascinante e in continua evoluzione ed è per questo motivo che viene considerato da molti studiosi la prima tappa fondamentale per lo sviluppo di questa tecnologia.

Seconda tappa: le prime applicazioni

L’entusiasmo per le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale crebbe rapidamente nei suoi primi anni. Nel 1957, il pioniere dell’AI Herbert Simon predisse con ottimismo che entro un decennio le macchine sarebbero state in grado di competere e battere i migliori giocatori di scacchi.

Tuttavia, questa previsione, come molte altre aspettative ambiziose di quell’epoca, si scontrò con i limiti tecnologici dell’epoca. I computer di quel tempo non possedevano la potenza di calcolo necessaria per supportare le sofisticate elaborazioni richieste dall’AI.

Questo divario tra aspettative e realtà portò a una frammentazione del campo dell’AI, con la nascita di diverse scuole di pensiero e approcci basati su teorie differenti. Tra i paradigmi principali emersi in questo contesto troviamo:

  • Intelligenza Artificiale Forte (AI Forte): Un’ipotetica AI in grado di replicare in tutto e per tutto le capacità cognitive umane, comprendendo la comprensione del linguaggio naturale, l’apprendimento autonomo e la risoluzione di problemi complessi. L’AI Forte rimane un obiettivo ambizioso e lontano dalla portata delle tecnologie attuali.
  • Intelligenza Artificiale Debole (AI Debole): Si concentra su compiti specifici e ben definiti, come il riconoscimento delle immagini, il gioco degli scacchi o la traduzione automatica. L’AI Debole non possiede un’intelligenza generale come l’uomo, ma eccelle in compiti specifici grazie a potenti algoritmi e all’apprendimento automatico.

La frammentazione dell’AI non deve essere vista come un fallimento, ma piuttosto come una fase di adattamento e sviluppo. L’incapacità di realizzare l’AI Forte in tempi brevi ha portato a concentrarsi su obiettivi più realistici e raggiungibili nell’immediato, gettando le basi per i successi concreti dell’AI Debole in svariati settori.

Oggi, l’AI continua ad evolversi a un ritmo accelerato, alimentata da progressi tecnologici come l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale distribuita. Sebbene l’AI Forte rimanga un obiettivo a lungo termine, i progressi compiuti nell’AI Debole pongono le basi per un futuro in cui l’intelligenza artificiale potrà giocare un ruolo ancora più importante e rivoluzionario nella nostra società.

Terza tappa: l’AI oggi

L’Intelligenza Artificiale odierna si presenta come un panorama in continua evoluzione, caratterizzato da progressi straordinari in molteplici campi, intrecciati con sfide aperte e importanti riflessioni etiche.

Vediamo di raggruppare in alcuni punti i progressi significativi che l’AI ha raggiuntofino ad oggi:

  • Sviluppo di algoritmi sofisticati che permettono alle macchine di apprendere da grandi moli di dati, migliorando le proprie prestazioni in modo autonomo. Questo ha portato a progressi notevoli in settori come il riconoscimento delle immagini, la traduzione automatica e la robotica.
  • L’AI è in grado di generare contenuti creativi come testi, immagini e musica, aprendo nuove frontiere per l’arte, il design e l’intrattenimento.
  • Invenzione di Intelligenze artificiali come Siri, Alexa e Google Assistant si integrano sempre più nella nostra vita quotidiana, offrendo servizi personalizzati e automatizzando compiti.
  • Lo sviluppo di veicoli a guida autonoma rappresenta una delle sfide più ambiziose e promettenti dell’AI, con il potenziale di rivoluzionare il settore dei trasporti.

Problemi che l’AI ha generato

Il suo sviluppo e la sua applicazione pongono di fronte a sfide e questioni aperte che richiedono un’attenta riflessione e un impegno concreto. Tra le principali sfide troviamo:

1. Bias Algoritmico: I sistemi di AI possono incorporare pregiudizi e discriminazioni presenti nei dati su cui vengono addestrati. Questo può portare a decisioni ingiuste e avere conseguenze negative per individui e gruppi sociali, soprattutto quelli più vulnerabili. È fondamentale adottare misure per garantire che i dati utilizzati per l’addestramento dell’AI siano equanimi e rappresentativi della realtà, contrastando la presenza di distorsioni e pregiudizi.

2. Spiegabilità e trasparenza: I processi decisionali di alcuni sistemi di AI possono essere complessi e opachi, rendendo difficile comprenderne il funzionamento e le ragioni alla base delle loro scelte. Questa mancanza di trasparenza può creare dubbi sulla loro affidabilità, responsabilità e sull’equità delle decisioni prese. È necessario sviluppare sistemi di AI più spiegabili e trasparenti, in modo da permettere una maggiore comprensione del loro funzionamento e favorire la fiducia da parte degli utenti.

3. Impatto occupazionale: L’automazione di compiti eseguiti da esseri umani solleva preoccupazioni sull’impatto che l’AI avrà sul mercato del lavoro. Si teme che l’AI possa portare a una perdita di posti di lavoro, soprattutto in settori ad alta intensità di manodopera ripetitiva. È necessario investire nella riqualificazione professionale e nell’educazione per preparare i lavoratori ad affrontare i cambiamenti imposti dall’AI e ad acquisire nuove competenze richieste nel mercato del lavoro del futuro.

AI Act

Per affrontare queste sfide e promuovere uno sviluppo responsabile dell’AI, l’Unione Europea ha approvato nel 2022 l’AI Act, un regolamento che stabilisce norme per la progettazione, lo sviluppo e l’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale. L’AI Act classifica i sistemi di AI in base al livello di rischio e prevede misure di controllo proporzionate, come la valutazione di conformità da parte di organismi indipendenti e il divieto di sistemi che rappresentano un rischio inaccettabile per la sicurezza, la salute o i diritti fondamentali. Per saperne di più su questo tema leggi il nostro articolo sui punti salienti dell’AI Act
L’intelligenza artificiale si trova in un momento di evoluzione cruciale, con progressi entusiasmanti che promettono di trasformare la nostra società. Tuttavia, è fondamentale affrontare le sfide e le questioni etiche connesse all’AI in modo responsabile e consapevole. L‘AI Act dell’UE rappresenta un passo importante in questa direzione, aprendo la strada a un futuro dove l’AI possa apportare benefici concreti alla società senza compromettere i nostri valori fondamentali.

Contattaci

Troveremo insieme la soluzione adatta alle tue esigenze